Scappa da una comunità corrotta | World Challenge

Scappa da una comunità corrotta

Gary WilkersonMarch 20, 2017

 

C'è una frase popolare usata oggi dai pastori. Ogni domenica nelle chiese degli Stati Uniti, un predicatore dice: "Ti invito a impegnarti nella comunità". Ci sono libri che trattano del collegamento con la comunità. Ci sono podcast e prediche. E tutto suona bene perché sembrano parlare di amicizia e approfondimento dei legami tra seguaci di Cristo.

Tuttavia, spesso ciò che sta dietro la frase "impegnarsi nella comunità" è qualcos'altro. Come dice un autore ai pastori, "A meno che le persone che entrano nelle tue porte non si connettano con sei amici in sei mesi, se ne andranno.” Questa non è la motivazione del Vangelo; si tratta di far sì che le persone vengano. È molto diverso dagli scopi di Dio per la comunità.

I pastori pensano alla comunità anche in un altro modo. Si dice che siano loro la "colla" che unisce le persone. Anche questo suona bene - dopotutto, una chiesa sconnessa non può essere molto efficace nel compiere l'opera del regno di Dio. Ma quando alcuni pastori usano la parola "colla", sono preoccupati per qualcos'altro. È stato detto loro che i numeri della loro chiesa non cresceranno mai se non mantengono quelli che già hanno. Per far venire le persone, devono incollarle insieme con “l’impegno."

Ancora una volta, il motivo non è l'amicizia come prescritto nella Parola di Dio. Invece, è "far crescere" una chiesa: attirare più persone, avere un pubblico più vasto e far entrare fondi per fare manutenzione agli edifici ed espandere i programmi.

Non tutti i pastori hanno queste motivazioni. Ma queste sono gravi tentazioni per qualsiasi ministro, specialmente oggi che le chiese diminuiscono. La mentalità della crescita è un effetto a posteriori del movimento di "crescita della chiesa,” iniziato negli anni '80. Presumibilmente quel movimento è finito, ma la sua influenza continua a riverberare.

Non riesco a immaginare Pietro o Giovanni mentre discutono di questo tipo di concetti. Pietro predicò con il potere dello Spirito Santo in modo da salvare 3000 persone in un giorno. Non credo che gli sia mai venuto in mente di chiedersi: "Come possiamo tenere queste persone a bordo?" Tutti i presenti quel giorno sapevano di aver sperimentato un movimento sacro e soprannaturale di Dio. Gli occhi della gente furono aperti al loro bisogno di Gesù, divennero consapevoli della loro peccaminosità e cercarono Dio con tutto il loro essere. E quando il Signore li afferrò, i loro cuori furono presi con passione perché Egli aveva messo il Suo proprio cuore dentro di loro.

Amico, quando vedi un mondo impazzito dal peccato, tu vuoi conoscere le vie di Dio. E desideri ardentemente stare con altri che conoscono le sue vie. Questa è la vera comunità: persone che si amano con convinzione e con il cuore del loro vero Pastore.

Ma nulla di tutto ciò può accadere se sei coinvolto in una comunità corrotta.

Come predicatore del vangelo di Cristo, ti esorto a scappare da una comunità che ha corrotto gli standard biblici.

Fai attenzione a quelli ai quali ti attacchi o con cui ti allinei. Non avere fretta di unirt i a uno studio biblico. Discerni bene i libri che leggi. E sii furbo riguardo alle amicizie che hai.

“Uao”, potresti dire, “da dove viene questo, Gary? Sei diventato improvvisamente paranoico?” Capisco perché potresti chiedertelo. Questo non è il messaggio standard che ricevi dalla maggior parte dei pulpiti evangelici. In effetti, ti verrebbe probabilmente detto il contrario: non essere veloce nel giudicare gli altri. Ma non ti sto dicendo di giudicare gli altri; ti sto dicendo di usare il giudizio. E voglio darti alcune ragioni importanti per cui lo affermo.

1 Re 13 contiene una storia che apre gli occhi su un giovane identificato solo come "un uomo di Dio.” Senza conoscere il suo nome, apprendiamo tutto ciò che dobbiamo sapere su di lui in un unico versetto: "Ed ecco, un uomo di Dio giunse da Giuda a Betel per ordine del SIGNORE” (13:1).

Questo verso mi fa battere il cuore. Ecco qualcuno che ha ottenuto una parola sicura da Dio — qualcosa di puro e senza fronzoli, reale e veritiero — e aveva lo scopo di penetrare nel cuore di un popolo caduto in una condizione lassista e tiepida.

Quanti di noi possono essere identificati nello stesso modo in cui lo era quest'uomo — semplicemente un “uomo di Dio”? I nostri vicini potrebbero guardarci e dire: "C'è qualcuno che è diverso. Non è coinvolto nelle cose in cui il resto di noi siamo coinvolti. Quando gli parlo, c'è solidità in ciò che dice e su come lo dice. Puoi affermare che sa qualcosa di Dio.”

"L’uomo di Dio" senza nome nella Scrittura, era tutto questo e molto altro. Fu messo da parte per gli scopi di Dio e chiaramente si separò dalle cose del mondo per conoscere le vie di Dio. Bastava questo a qualificarlo per stare davanti a una nazione, un re e predicare la verità di Dio. La scena successiva ci mostra che è esattamente ciò che fece.

Il re Geroboamo aveva appena commesso un orribile sacrilegio: "mentre Geroboamo stava presso l'altare per bruciare incenso" (1 Re 13: 1). In apparenza, sembra una buona cosa. Il re di una nazione va in chiesa per adorare Dio e fare offerte. Ma il giovane uomo di Dio sapeva la cosa in modo diverso. Ecco come rispose:

" e per ordine del SIGNORE si mise a gridare contro l'altare e a dire: «Altare, altare! così dice il SIGNORE: "Ecco, nascerà alla casa di Davide un figlio, di nome Giosia, il quale sacrificherà su di te i sacerdoti degli alti luoghi che su di te bruciano incenso, e si arderanno su di te ossa umane"». E quello stesso giorno diede un segno miracoloso dicendo: «Questo è il segno che il SIGNORE ha parlato: ecco, l'altare si spaccherà, e la cenere che vi è sopra si disperderà»" (13: 2-3).

È una profezia dal suono misterioso, ma è chiaramente orribile. Ed essa non rese felice il re. Successivamente leggiamo che Geroboamo "stese la mano dall'alto dell'altare, e disse: «Pigliatelo!» Ma la mano che Geroboamo aveva stesa contro di lui rimase paralizzata, e non poté più tirarla indietro; l'altare si spaccò; e la cenere che vi era sopra si disperse, secondo il segno che l'uomo di Dio aveva dato per ordine del SIGNORE” (13: 4-5).

Quando il re si scagliò sull’uomo che profetizzava, la sua mano improvvisamente si bloccò. Fu un evento soprannaturale, ma questa scena contiene una potente verità: il Signore fermerà la mano di chiunque pretenda di agire nella Sua autorità affermando che è l’opera di Dio. Ciò segnala una comunità corrotta. E qualsiasi opera del genere appassirà come ha fatto la mano di Geroboamo.

Il re si rese conto che Dio era intervenuto e lo fece tremare fino al midollo. In agitazione, "il re si rivolse all'uomo di Dio, e gli disse: «Ti prego, implora la grazia del SIGNORE, del tuo Dio, e prega per me affinché mi sia resa la mano». E l'uomo di Dio implorò la grazia del SIGNORE, e il re riebbe la sua mano, che tornò com'era prima.” (13: 6). Geroboamo fu così grato di essere stato guarito che invitò l'uomo di Dio a casa sua per poterlo ricompensare. Ma il giovane rispose: “«Anche se tu mi dessi la metà della tua casa, io non entrerò da te, e non mangerò pane né berrò acqua in questo luogo; poiché questo è l'ordine che mi è stato dato dal SIGNORE: "Tu non vi mangerai pane né berrai acqua, e non tornerai per la strada che avrai fatta all'andata"» (13: 8-9).

Adoro l'obbedienza di questo giovane. La preferì a qualcosa che avrebbe potuto rendere la sua vita più comoda. È un esempio di qualcuno che sceglie la via di Dio invece di scegliere il falso appello di una comunità corrotta.

I falsi insegnanti promettono che possiamo seguire sia le vie del mondo sia una vita fedele in Cristo.

È facile identificare i modi corrotti del mondo. È molto più difficile identificare la corruzione in luoghi spirituali dove non ci aspettiamo di trovarla. A questo punto le cose diventano pericolose.

Il giovane uomo di Dio aveva fatto tutto secondo la parola di Dio fino a quel punto. Ma sulla strada di casa - sulla strada che Dio gli aveva ordinato di prendere - si imbatté in un profeta più anziano.

"Allora il vecchio profeta gli disse: «Vieni con me a casa mia a mangiare». Ma egli rispose: «Io non posso tornare indietro con te, né entrare in casa tua; e non mangerò pane né berrò acqua con te in questo luogo; poiché mi è stato detto, per ordine del SIGNORE: "In quel luogo tu non mangerai pane, né berrai acqua, e non tornerai per la strada che avrai fatta all'andata"». L'altro gli disse: «Anch'io sono profeta come te; e un angelo mi ha parlato per ordine del SIGNORE, dicendo: "Riportalo con te in casa tua, perché mangi del pane e beva dell’acqua."» Egli mentiva. Così l'uomo di Dio tornò indietro con l'altro, e mangiò del pane e bevve dell'acqua in casa di lui” (13: 15-19).

Ecco una circostanza molto diversa dall'invito di re Geroboamo. Il giovane era propenso ad ascoltare un profeta più anziano, un uomo con un ministero e un seguito, qualcuno che era stato sul campo per un bel po'. Ciò rendeva la tentazione molto più sottile. E in questo caso, egli disobbedì a Dio.

Nota la frase che il vecchio usa per tentarlo: "Un angelo mi ha detto con la parola del Signore ..." Ti ricorda un certo brano biblico? Paolo ammonisce: "Ma anche se noi o un angelo dal cielo vi annunciasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunciato, sia anatema" (Galati 1: 8).

Le parole dei leader cristiani hanno molto peso, e così è stato per il giovane uomo di Dio. Il profeta più anziano gli assicurò: "Non devi continuare nella tua fame. Hai fatto il tuo lavoro. Sarebbe legalistico rimanere in questo rigido stato di obbedienza. È tempo di rilassarsi, di darsi una calmata. Vacci piano." Questo è in realtà il tenore di molte predicazioni di oggi. Sentiamo pochissimi sermoni su argomenti quali condurre una vita santa. Dimmi, quando mai Dio ha voluto cambiare il cammino che il suo popolo deve percorrere?

Paolo ha qualche discorso duro per coloro che vorrebbero mescolare la via del Signore con la via del mondo: “Voi non potete bere il calice del Signore e il calice dei demòni; voi non potete partecipare alla mensa del Signore e alla mensa dei demòni” (1 Corinzi 10:21).

Non fu il mondo caduto a far inciampare nel peccato questo giovane uomo devoto. Ma la chiesa corrotta, un falso profeta che si era discostato dalla via di Dio. Che tragedia: il giovane aveva una tale autorità spirituale che le sue parole fecero paralizzare la mano di un re. Ma fu deviato dalle parole melliflue di un presunto leader devoto.

La scena successiva è tragica: “L'uomo di Dio se ne andò, e un leone lo incontrò per strada, e l'uccise” (1 Re 13:24). Attraverso la Scrittura, da Ezechiele al Nuovo Testamento, i falsi maestri sono descritti come lupi famelici pronti a uccidere e divorare. La morte di questo giovane è stata letterale, mentre la lezione per noi è spirituale: L'inganno spirituale di una comunità corrotta porta alla distruzione.

Non ascoltare falsi maestri che vorrebbero farti credere che Dio possa essere usato come un genio della lampada per esaudire i tuoi desideri. Non dare mai un dollaro a una chiesa che offre la speranza di averne indietro molti di più. Dio è rattristato da quel tipo di falso insegnamento e dai credenti che lo abbracciano. La nostra preghiera non può essere "Signore, benedicimi,” ma piuttosto "Signore, allineami. Metti a posto il mio cuore. Rendi dritto il mio percorso. In modo che nessun leone possa divorarmi. E avrò la tua autorità per fare le opere del tuo regno.”

È sempre meglio scappare dalla corruzione prima che accada. Più volte nella Bibbia vediamo Dio che rimuove il suo popolo da situazioni corrotte. Quando comandò a Noè di entrare nell'arca, fu per rimuovere il suo servo da un mondo corrotto. Quando guidò Israele nella Terra Promessa, li stava rimuovendo dalla schiavitù oppressiva dell'Egitto.

Eppure, non c’è solo il mondo caduto o dei capi di false chiese che corrompono. C'è anche il problema dei nostri cuori peccaminosi. Quando i predicatori popolari ci dicono: "Oggi puoi vivere una vita prospera,” qualcosa dentro di noi si agita, specialmente se riteniamo che la nostra vita sia stata deludente. Ma il nostro motivo per avvicinarci a Dio non può essere "Posso ottenere qualcosa da lui?" Se lo è, stiamo cercando il dio sbagliato.

Non predico messaggi come questo molto spesso. Ma non posso tornare indietro su tutto ciò che ho scritto qui. Amico, fuggi dallo studio biblico che esiste solo per farti stare bene. Evita la relazione che ti porta più vicino al piacere e più lontano dalla ricerca di Cristo. Trova una comunità di fede diversa se tutto ciò che fai ti porta soltanto dentro un edificio, invece di addestrarti a portare Gesù ovunque. Scappa, e sappi che Dio è contento della tua obbedienza. Amen!

Download PDF

DAILY ENCOURAGEMENT IN YOUR INBOX

Sign up now to receive our Daily Devotional or E-newsletter.

SUBSCRIBE